Autore: Attualità IN EVIDENZA

Assunzione di operatori nella società in house, piena operatività del 118

Perfettamente riuscito il passaggio di consegne per la gestione del servizio di trasporto del 118 Brindisi: dalla mezzanotte e un minuto del 31 dicembre 2022 tutti gli operatori delle associazioni convenzionate hanno prestato servizio come dipendenti della Sanitaservice sulle nuove ambulanze. Il direttore del 118 Brindisi, Massimo Leone, descrive l’operazione: “un piano articolato, messo in atto durante tutto il mese di dicembre, ci ha consentito di far fronte alle richieste di soccorso arrivate in Centrale operativa a partire dalle 23.30 del 31 dicembre e fino a mezzanotte e mezza, che era l’intervallo critico per gestire gli eventi durante la netta separazione tra personale e mezzi. Per ridurre al minimo il tempo di trasbordo le nuove ambulanze sono arrivate nelle varie postazioni già dal 29 dicembre, dotate di equipaggiamento completo: alla mezzanotte e un minuto le postazioni erano già pronte, questo ci ha permesso di evitare l’interruzione di un pubblico servizio”. Con il passaggio alla Sanitaservice, che ha provveduto all’acquisto di nuove vetture, il servizio di trasporto, già ottimale con il precedente parco macchine in possesso della Asl Brindisi, è andato a potenziare ulteriormente il livello di equipaggiamento. La strumentazione avanzata a bordo – come ad esempio saturimetri e monitor-defibrillatori di ultima generazione, quella utile ad eseguire esami emato-chimici – migliora la dotazione qualitativa dei mezzi a vantaggio di una maggiore professionalità del servizio e quindi aumentata sicurezza per il cittadino.

“Abbiamo avviato e realizzato con successo un’operazione di tale portata – continua Leone – con un passaggio di consegne così repentino avvenuto durante la notte e nel rispetto dei contratti di un’intera flotta sostitutiva di mezzi e autisti e soccorritori, perfettamente integrata nel Servizio 118”. Nei mesi precedenti il personale aveva seguito corsi di formazione a bordo delle nuove vetture (35 ambulanze e 7 automediche) con l’obiettivo di arrivare pronti a questo passaggio. La sinergia tra Sanitaservice – da cui dipende il nuovo personale assunto – e il Servizio 118 Brindisi che operativamente lo gestisce – è stata fondamentale, sinergia che proseguirà nel tempo alla luce della nuova organizzazione. “Parte dalla Asl di Brindisi – ha sottolineato l’assessore regionale alla Sanità, Rocco Palese – un intervento di sistema fortemente voluto dal presidente Michele Emiliano e che si estenderà alle altre province. L’obiettivo è quello di potenziare il servizio di 118 per aumentare il livello delle prestazioni in emergenza, grazie anche a nuove ambulanze e automediche e alla grande competenza e professionalità degli operatori”.

Il direttore generale, Flavio Maria Roseto, così commenta: “Ringrazio Massimo Leone per lo sforzo organizzativo, materiale e diplomatico, e i vertici della Sanitaservice, che hanno reso semplice un’impresa oggettivamente complessa e piena di incognite”. Soddisfazione da parte dell’amministratore unico della Sanitaservice, Francesco Zingarello: “Il risultato raggiunto è merito di chi mi ha preceduto, per questo ringrazio Flavio Maria Roseto e Maria Rosa Di Leo per l’impegno. Sono orgoglioso di amministrare una società in crescita, che con la gestione dei molteplici servizi di supporto alla Asl Brindisi offre lavoro a circa 1.200 famiglie”.

CHIARIMENTO ASL: nessuna penalizzazione per l’assistenza oncologica – In merito alla situazione di criticità attualmente in atto nelle strutture di Emergenza-urgenza della provincia a causa della carenza di personale medico, si precisa che le misure straordinarie che verranno adottare non penalizzeranno l’assistenza ai pazienti oncologici. Come avvenuto durante la pandemia Covid, saranno assicurati i livelli prestazionali adeguati e necessari alla popolazione con priorità nei confronti dei pazienti fragili o di coloro che necessitano di interventi chirurgici in urgenza o non differibili. La Regione ha autorizzato la Asl Brindisi ad adottare misure straordinarie, come ad esempio distaccare temporaneamente, nei Pronto soccorso, medici provenienti da altri reparti, ma al momento non è sospesa in alcun modo l’attività ordinaria. Si evidenzia la eccezionalità del momento che richiede azioni urgenti e contingibili per garantire l’assistenza, azioni difficili che devono tenere conto della complessità del sistema sanitario. Nella consapevolezza che si stanno chiedendo sforzi enormi a tutti gli operatori, il management aziendale è impegnato, nel contempo, a mettere in atto tutte le iniziative necessarie per superare in maniera stabile questa fase.

(Visited 53 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com