Serena Di LorenzoAutore: Cinema Rubriche

Il cinema rivisto in casa: le nostre proposte settimanali

Sorry we missed you (foto) – Diretto da Ken Loach e sceneggiato da Paul Laverty, Sorry We Missed You racconta, in modo particolarmente realistico e accurato, lo sfruttamento del lavoro nel Regno Unito e la condizione di precarietà alla quale sono costrette migliaia di persone. Protagonista del film, una famiglia normale, formata da Ricky, Abbie e i loro due figli, in balia della crisi economica globale e alla ricerca di un modo per realizzare i propri sogni.
Queen & slim – Il primo appuntamento di Slim (Daniel Kaluuya) e Queen (Jodie Smith), due afroamericani che abitano in Ohio, prende una piega inaspettata: i due, infatti, vengono fermati dalla polizia con la scusa di un’informazione stradale. In realtà, la motivazione è unicamente quella razziale e questo farà precipitare la situazione nel giro di pochi minuti. Queen & Slim è un film drammatico sulla condizione degli afroamericani in America diretto da Melina Matsoukas.
Picciridda – Con i piedi nella sabbia – Ambientato negli anni ’60 sull’incantevole isola di Favignana, Picciridda – Con i piedi nella sabbia racconta, attraverso gli occhi della giovane Lucia, una storia fatta di donne e legami familiari, di confini e di parole non dette. Un delicato spaccato di una realtà siciliana tanto antica quanto attuale, portata sullo schermo dal regista Paolo Licata.
Il buco – Pellicola thriller del 2019 diretta da Galder Gaztelu-Urrutia, Il buco è ambientato in una prigione sviluppata verticalmente sottoterra, con un enorme buco al centro. All’interno di questo particolare edificio, al piano 0 si trovano i cuochi che hanno il compito di imbandire un’enorme tavola (la “piattaforma”) con tutti i cibi preferiti dei prigionieri. Una volta apparecchiata, la piattaforma scende in verticale fermandosi a ogni piano, consentendo ai detenuti solo pochi minuti per mangiare tutto il possibile. Questo finché un uomo, Goreng (Ivan Massagué), entrato nell’edificio senza sapere cosa succede al suo interno, non prova a cambiare le cose.
Ultras – Debutto alla regia di Francesco Lettieri, il film racconta l’universo degli Ultras guardato dall’interno senza concedere sconti a nessuno, dalla tifoseria violenta alla polizia praticamente assente. Sandro, capo del gruppo ultras napoletano degli Apache, ha quasi cinquant’anni e da tutta la vita prende parte a trasferte e scontri tra tifosi. Impossibilitato a entrare allo stadio a causa di un Daspo, però, l’uomo inizia, per la prima volta, a desiderare una vita normale. Un esordio alla regia convincente, accompagnato dalle musiche di Liberato.
Serena Di Lorenzo

(Visited 10 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com