Manuela BuzzerraAutore: IN EVIDENZA Qui Manuela Rubriche

Il «percorso» dell’imprenditore brindisino Giuseppe Danese

Già a pronunciare il nome di Giuseppe Danese avverto il sapore della salsedine. Lo sanno bene i brindisini, ancora meglio chi, almeno una volta, abbia avuto modo di parlare con lui, uno dei concittadini di cui andare fieri.
La storia della famiglia Danese è strettamente legata al mare, anzi all’amore incondizionato per il mare. Il Cantiere Navale Danese è uno dei fiori all’occhiello della nostra città di cui, troppo spesso e per sport diffuso, si elencano solo le peculiarità biasimabili, dimenticando, chissà perché, chi dà lustro a questo territorio.
Giovanni Danese, il padre di Giuseppe, vide nascere il suo cantiere nel 1984. La sua lunga esperienza nel settore lo portò, quasi fisiologicamente, a fondare la sua azienda che, negli anni, è cresciuta, tanto da diventare un punto di riferimento importante per nomi prestigiosi in ambito navale e di diporto. Giuseppe Danese avrebbe potuto godere di tale agio già avviato, ma con caparbietà ha fatto sì che l’azienda di famiglia non fosse l’unico gioiello da far prosperare: il suo impegno è stato rivolto alla comunità intera.
Negli anni Giuseppe ha compreso quanto fondamentale sia conoscere bene il settore in cui opera e non fermarsi mai, esplorando anche altri porti – è proprio il caso di dirlo – da cui poter prendere esempio per migliorare le condizioni anche degli altri competitor del settore. E si è prodigato così tanto da diventare, per poi essere riconfermato, presidente del Distretto della Nautica pugliese. Un ruolo prestigioso, ma che richiede un duro impegno.
Nel 2010, nonostante la crisi in ambito nautico fosse pressante in tutta Italia, la nostra regione godeva, al contrario, di una evoluzione non indifferente. Fu un vantaggio che Giuseppe non trascurò, anzi, ne approfittò per valutare delle strategie che potessero far crescere ancora di più il settore nautico pugliese. Comprese l’importanza di fare rete tra tutti i soggetti interessati e si impegnò affinché questo gap culturale venisse bypassato. A distanza di anni possiamo dire che il suo lavoro, e quello di tutti coloro che lo hanno affiancato, ha prodotto numerosi risultati, portando la nautica pugliese nella top ten italiana. Recentemente Danese, in qualità di presidente del Dipartimento e come azienda cantieristica, è stato uno dei principali protagonisti della diciassettesima edizione dello SNIM, il Salone Nautico di Puglia, svoltosi ancora una volta nella cornice suggestiva della nostra Brindisi. È stato un successo di affluenza, nonostante i primi giorni il tempo non sia stato clemente. Ciò ci fa comprendere quanto sia fondamentale credere e agire concretamente sulle potenzialità della nostra città, uno tra tutti il mare, appunto, con tutti i suoi settori che tra di loro possono e devono intersecarsi per fare network e sostenersi vicendevolmente. Ma uno degli aspetti importanti, affinché ciò vada in porto, è poter fare affidamento su persone non solo professionali e visionare, ma anche ricche di passione e amore per il proprio territorio, esattamemnte come Giuseppe Danese.
Manuela Buzzerra (Rubrica QUI MANUELA – Agenda Brindisi 12 novembre 2021)

(Visited 1.032 times, 2 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com