redazioneAutore: Attualità IN EVIDENZA

Interruzione servizio scuolabus, presidio autisti e accompagnatrici

In occasione della prima seduta in presenza del Consiglio comunale di Brindisi (30 settembre 2020), autisti e accompagnatrici impegnati nel servizio di scuolabus STP hanno presidiato l’ingresso di Palazzo di Città per manifestare il proprio dissenso in ordine all’interruzione del servizio, che peraltro determina grandi disagi per le famiglie residente nelle zone rurali. Una delegazione dei manifestanti (complessivamente 22 tra autisti e accompagnatrici) è stata ricevuta dal sindaco Riccardo Rossi. In attesa di possibili soluzioni, abbiamo raccolto la testimonianza di Doretto Pinto, autista e sindacalista della Faisa-Cisal.

Una nota del consigliere comunale di Forza Italia Gianluca Quarta

«La protesta delle famiglie di bambini che usufruivano del trasporto-alunni dalle contrade ed il personale impiegato fino allo scorso anno in questo servizio ha sortito gli effetti desiderati. Il sindaco Rossi ha accolto la mia richiesta di sospensione del consiglio comunale per poter incontrare una delegazione dei manifestanti. Al primo cittadino sono state prospettate le grandi difficoltà a cui stanno andando incontro le famiglie interessate che hanno denunciato il rischio di dover fare i conti con provvedimenti di assistenti sociali per un sensibile aumento della dispersione scolastica. Rossi si è impegnato a verificare il numero esatto delle famiglie che chiedono una immediata ripresa del servizio. Dopo di che si valuterà la possibilità di ripristinarlo. Al personale (accompagnatrici ed autisti), invece, Rossi ha garantito che nessuno perderà il proprio posto di lavoro, visto che sarà destinato a svolgere altre mansioni. In attesa di impegni certi e documentati, le famiglie, gli autisti e le accompagnatrici hanno mostrato soddisfazione, ma è evidente che bisognerà tenere desta l’attenzione».

(Visited 197 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com