redazioneAutore: Basket IN EVIDENZA Sport

Legabasket: Brindisi-Milano 53-79, l’Olimpia resta imbattuta

Dopo due sconfitte consecutive, l’ultima delle quali in casa della Virtus Bologna, Brindisi ospita la Armani Exchange di coach Ettore Messina; anche le scarpette rosse vengono da una parentesi negativa in campo europeo (4 sconfitte in fila in EL). Brindisi ha avuto tempo per preparare questa partita e, come spesso accade, lo dimostra con un ottimo ingresso in campo; già dal primo minuto la Happy Casa difende forte e attacca nei primi secondi del possesso. L’Olimpia non riesce ad attaccare con naturalezza, inoltre tira con pessime percentuali, al contrario dei padroni di casa: pur non riuscendo ad attaccare il centro area i pugliesi tirano benissimo da fuori e si portano avanti nel punteggio. Gaspardo si alza dalla panchina aumentando il voltaggio del quintetto di coach Vitucci, e segnando il primo canestro da due punti dell’intera squadra. L’intento della difesa di coach Messina è abbastanza evidente nell’impedire alla NBB il facile accesso in area, mettendo grande pressione sulle ricezioni spalle a canestro di N. Perkins. Partita durissima per il centro di coach Vitucci che ha dovuto alternativamente accoppiarsi ai due migliori difensori avversari; la marcatura di Hines e Melli è stata una chiave della buona prestazione difensiva da parte dei vice campioni d’Italia. 21-9 il parziale con cui si chiude la prima frazione, ma le brutte notizie per coach Vitucci sono i due falli di N. Perkins. Senza il suo centro titolare in campo l’attacco della Happy Casa è troppo perimetrale, nel secondo quarto Milano controlla la propria area; Brindisi va in difficoltà con due soli punti nei primi 7 minuti di secondo quarto; sebbene difensivamente la NBB riesca a tenere l’Olimpia a meno di 20 punti nella frazione. Non basta però la difesa perché anche Milano difende molto bene e gli uomini di coach Vitucci si affidano ad iniziative fuori dagli schemi che hanno prodotto anche diverse palle perse (17 a fine partita). Sul finire di primo tempo Brindisi esegue possessi offensivi più produttivi e con 4 punti consecutivi chiude in pareggio la prima metà di partita (parziale 6-18). Nella ripresa rientra in campo N. Perkins che, pur continuando ad essere oggetto delle speciali attenzioni di Hines e Melli, concede alla squadra un assetto più bilanciato; Milano ritrova precisione al tiro e sfrutta meglio le poche occasioni concesse dalla difesa brindisina per riportarsi avanti nel punteggio oltre la doppia cifra di vantaggio. Coach Vitucci schiera 3 zone consecutive per cercare di rallentare la produzione offensiva degli ospiti, ma è sempre nell’altra metà campo che la Happy Casa deve fare i conti con la pressante difesa meneghina che tiene Brindisi ad appena 13 punti nel terzo periodo. L’impatto con l’ultima frazione di gioco non è dei migliori per Brindisi: N. Perkins non riesce ad essere incisivo contro l’asfissiante staffetta tra Melli e Hines, Gaspardo perde intensità nel secondo tempo e Chappell esaurisce i trucchi che conserva nel cilindro. La Happy Casa esce definitivamente dalla partita subendo il parziale negativo più ampio di tutto il match 13-30.
Una sconfitta che può anche non destare particolari attenzioni se non per il distacco finale, motivato dal crollo dei padroni di casa negli ultimi 10 minuti di gioco. Un peccato, perché la squadra di coach Vitucci ha avuto il merito di una prima metà di gara di grande qualità, con la quale stava mettendo pressione agli uomini di coach Messina. La Happy Casa inaugura così un mese di dicembre ricco di impegni: due trasferte (la seconda delle quali fondamentale per la qualificazione al prossimo turno di BCL) contro Reggio Emilia e Cluj, poi la temibile Treviso di coach Menetti farà visita al Pentassuglia. Nuova trasferta contro Holon in data 19 dicembre e chiusura del mese nel giorno di Santo Stefano, di nuovo in casa, contro la Vuelle Pesaro.

Servizio di Paolo Mucedero

(Visited 48 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com