redazioneAutore: IN EVIDENZA Scuola

Nel Liceo «Leonardo Leo» di San Vito incontro con Walter Delogu

Venerdì 22 aprile il Liceo Scientifico «Leonardo Leo» ha ospitato Walter Delogu. Uno di quegli incontri che ti restano scolpiti nella memoria, difficili da dimenticare, una testimonianza attiva che ha smosso le coscienze dei nostri studenti coinvolti emotivamente dal racconto di Walter, dalle vicende della sua vita. Delogu è riuscito a catturare l’attenzione degli studenti del primo biennio e dei docenti presenti, attenti e partecipi fino alla fine come dimostrano le tante domande a lui rivolte. Ha raccontato la sua storia, la sua vita, incredibile, dissoluta, fatta di crimini, il suo “inferno” come lui la definisce, una vita tra continue cadute e risalite. Ha parlato di dipendenza, di droga e dell’inferno in cui lo ha condotto la droga. Fortunatamente, però, è riuscito ad uscire dall’inferno e a trasformarlo in qualcosa di positivo. Oggi incontra i giovani ai quali lancia il suo messaggio contro l’uso delle droghe, ai quali parla di prevenzione perché «la prevenzione e la cultura sono le armi più potenti per evitare di cadere nella dipendenza … sapere per evitare».

Questi incontri rappresentano per lui una forma di riscatto dal suo passato. Nel corso dell’incontro ha presentato il suo libro “Il braccio destro”, un romanzo di fantasia scritto a quattro mani con l’avvocato penalista e blogger de “il Fatto Quotidiano” Davide Grassi, ispirato alla vita avventurosa dell’autore, che passa dall’abisso della tossicodipendenza al riscatto, attraverso il suo percorso all’interno della Comunità di San Patrignano dove diventa il braccio destro di Vincenzo Muccioli, fondatore della Comunità. Il protagonista del romanzo è Angelo, il suo alter ego. La vita di Angelo è la sua vita; gli amici di Angelo sono i suoi amici, tutti annientati dalla droga, con i quali condivideva la sua carriera criminale. Il dirigente scolastico, Prof.ssa Carmen Taurino, ha voluto questo incontro per gli studenti del primo biennio, rientrando pienamente negli obiettivi del PTOF di Educazione alla Legalità e cittadinanza attiva, di Educazione alla Salute e prevenzione tossicodipendenze. Un ringraziamento da parte del Liceo «Leo» all’Assessore all’Istruzione e alla Cultura Prof.ssa Alessandra Pennella per aver proposto l’incontro alla Scuola. E un ringraziamento al moderatore Angelo Celino, ex studente, laureando in Sociologia del crimine e della devianza.

(Visited 121 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com