redazioneAutore: Attualità IN EVIDENZA

Opere abusive da demolire fruendo di fondi statali e comunali

Il governo, con decreto del 9 dicembre 2020 del Ministero delle Infrastrutture e Trasporti, ha messo a disposizione dei Comuni fondi per la demolizione di opere abusive. La candidatura del Comune di Brindisi all’avviso del MIT è stata disposta nell’autunno scorso con delibera di giunta comunale n. 352/2020: venivano richieste 150mila euro per l’abbattimento di un lido abusivo, un rudere di fronte all’ospedale Perrino e opere realizzate su area a rischio idrogeologico. Le opere candidabili, infatti, erano quelle connesse ad interventi di rimozione o di demolizione delle opere o degli immobili realizzati in assenza o totale difformità dal permesso di costruire (art. 31 del D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380), per i quali era stato adottato un provvedimento definitivo di rimozione o di demolizione non eseguito nei termini stabiliti. In particolare, l’avviso del MIT stabiliva priorità in relazione agli abusi riguardanti edifici o ampliamenti edilizi con volumetrie pari o superiori a 450 metri cubi, insistenti su specifiche aree (aree demaniali o di proprietà di altri enti pubblici; aree a rischio idrogeologico; aree sismiche; aree sottoposte a tutela paesaggistica e/o ambientale). Sulla base dei criteri del MIT, tra l’altro coincidenti con quelli già forniti dall’amministrazione comunale con la deliberazione commissariale n.  212/2018, la giunta ha individuato tre immobili da demolire: opere abusive realizzate su area di proprietà pubblica (Asl Brindisi) nei pressi dell’ospedale Perrino; opere abusive realizzate su area ad elevato rischio idrogeologico-Canale Patri; opere abusive realizzate su area in parte demaniale, in parte agricola lungo la Costa Nord, sottoposta a tutela paesaggistica (lido abusivo). Il Comune di Brindisi procederà alla previa acquisizione gratuita al patrimonio demaniale delle aree oggetto di intervento, quindi alla progettazione esecutiva e all’affidamento dei lavori di ripristino dello stato dei luoghi. La restante quota, pari ad ulteriori 150mila euro, è già stata impegnata sul bilancio dell’ente, nei capitoli relativi alle sanzioni pecuniarie comminate ai sensi dell’art. 31 comma 4bis del DPR 380/01 per i casi di inottemperanza agli ordini di demolizione impartiti dal settore Urbanistica Comunale. La lotta all’abusivismo, connessa alla difesa del suolo, alla tutela dei beni paesaggistici e culturali, alla salvaguardia dei beni pubblici, è uno degli asset del settore Urbanistica, ed anche uno strumento di pianificazione e riordino del territorio, mediante il ripristino dei luoghi e della legittimità violata.

(Visited 93 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com