redazioneAutore: Attualità IN EVIDENZA

Tenute Rubino: debutto del Torre Testa 2017 con la nuova etichetta

É in uscita dal mese di dicembre in Italia e sui mercati esteri il Torre Testa Doc Brindisi 2017, vino cru di Tenute Rubino che, a partire da quest’anno, fa bella mostra di sé con una nuova etichetta in grado di esprimere appieno l’unicità di questo Susumaniello in purezza, posto al vertice della piramide qualitativa della storica cantina pugliese. Questa annata del Torre Testa ha anche ottenuto i Cinque grappoli da Bibenda 2021, massimo punteggio assegnato dalla storica Guida annuale sul vino italiano curata della FIS. L’annata 2017 del Torre Testa Doc Brindisi è il risultato di un andamento climatico davvero particolare, con abbondanti piogge primaverili che hanno sostenuto lo sviluppo vegetativo produttivo delle piante e costituito riserve idriche profonde nei vigneti della Tenuta di Jaddico. Con il progressivo innalzamento delle temperature, che non hanno fatto registrare eccessivi picchi di caldo durante i mesi estivi, si sono determinate le condizioni micro-climatiche ideali per il Susumaniello, vitigno che predilige tempi più lunghi di maturazione dei grappoli. Stagione equilibrata sotto il profilo climatico anche grazie all’influsso delle correnti marine da nord e nord-ovest che hanno contribuito a mitigare la temperatura interna ai vigneti e tra i filari oltre a costituire un fattore determinante per assicurare sanità ed integrità dei grappoli.

“Grappoli perfetti, leggermente più piccoli e con un rapporto buccia polpa più equilibrato – spiega Luigi Rubino, titolare di Tenute Rubino (foto) – raccontando la vendemmia 2017, rigorosamente manuale, delle uve di Susumaniello, vitigno oggi cuore identitario della DOC Brindisi e di un progetto di riscoperta di questa varietà, iniziato pioneristicamente dalla mia famiglia e, per fortuna, condiviso finalmente da diverse aziende che, nel Salento, stanno credendo, come noi, nelle potenzialità di questa pietra miliare dell’enologia pugliese”. Un progetto di valorizzazione che ha nel Torre Testa il suo vertice qualitativo ed identitario e che l’azienda, anche nell’immagine, ha voluto esprimere. Un obiettivo che ha richiesto un lungo lavoro di preparazione e che ha rivoluzionato totalmente l‘immagine di questa storica bottiglia di Tenute Rubino. Un processo, diretto personalmente da Romina Leopardi, responsabile marketing e comunicazione dell’azienda, che ha visto coinvolte diverse professionalità specializzate nella comunicazione del vino. Una rivoluzione grafica che proietta l’immagine di questa storica bottiglia verso un target di consumatori più consapevoli ed enologicamente maturi, sempre più attenti a riconoscere i valori e le peculiarità dei terroir di provenienza. La nuova etichetta trasmette manualità, artigianalità e vicinanza al linguaggio artistico – massime espressioni delle umane passioni – attraverso un rinnovato utilizzo dell’espressione pittorica, ben evidenziato nella “pennellata” di colore che richiama quello delle bucce delle uve di Susumaniello e della macchia “succosa e densa” che lascia sulle mani, durante la raccolta. Dal colore rosso rubino intenso e impenetrabile, il Torre Testa 2017 Doc Brindisi si caratterizza per note di frutti rossi molto maturi, quali prugna e ciliegia sotto spirito, che si uniscono a sentori di confettura e cioccolato fondente, accompagnati da note speziate di cannella, pepe nero e noce moscata. “Il Torre Testa 2017 è, almeno per le ultime quattro o cinque ultime annate – conclude Luigi Rubino – quella che meglio riesce a cogliere l’elemento distintivo e di carattere che abbiamo sempre ricercato in questo nostro vino. Complessità, profondità ed eleganza per un rosso che, nella DOC Brindisi, è diventato un punto di riferimento importante oltre che qualificante. Il Torre Testa è un prodotto di nicchia, poche migliaia di bottiglie che vanno in assegnazioni in Italia e all’estero e su cui si concentra anche l’attenzione di collezionisti e intenditori che riconoscono, in questo nostro vino, un potenziale di longevità e maturazione in bottiglia davvero interessante. Un grande vino rosso da invecchiamento”.

(Visited 29 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com