Autore: Attualità IN EVIDENZA

Vertenza Maribrin, chiesta il tavolo di crisi, sit-in dei lavoratori il 30


La Flai e i lavoratori della Maribrin protesteranno con un sit-in davanti ai cancelli dell’azienda, venerdì 30 dicembre con inizio alle ore 9. La manifestazione nasce dall’esigenza di chiedere un intervento autorevole per risolvere la difficile vertenza aperta lo scorso luglio e che rischia di tradursi – nonostante l’impegno di Flai,
Cgil e Flai Puglia – in una sconfitta per i lavoratori. La Flai insieme con la Cgil hanno richiesto, in queste ore, l’attivazione del «Tavolo di crisi» al presidente del Comitato Sepac Leo Caroli per l’attivazione della Task force regionale dell’occupazione indirizzando una informativa anche al presidente della Regione Michele Emiliano, all’assessore allo Sviluppo economico Alessandro Delli Noci, all’assessore alla Formazione e Politiche per il lavoro Sebastiano Leo, al presidente della Commissione Bilancio Fabiano Amati, al prefetto Carolina Bellantoni e al sindaco di Brindisi Riccardo Rossi per spiegare l’evoluzione della vertenza.

Il Prefetto di Brindisi Carolina Bellantoni

Una vertenza partita il 22 luglio scorso quando, dopo l’incontro con i vertici aziendali, la Flai venne a conoscenza delle difficoltà economiche in cui versava a causa del caro energia e dell’aumento incontrollato dei costi delle materie prime. L’azienda aveva un impiegato amministrativo a tempo indeterminato, al momento in cassa integrazione, e 9 operai OTD a cui viene applicato il Ccnl per gli operai agricoli e florovivaisti in scadenza il 31 Dicembre 2022. L’azienda ha comunicato in prima istanza la momentanea chiusura dello stabilimento poiché i progetti per l’installazione di un impianto fotovoltaico di 200 kw per investimenti produttivi nel settore dell’acquacoltura e di efficientamento energetico dell’impianto d’itticoltura marina, avevano avuto parere positivo in data 24 maggio 2022, ma erano ancora in attesa di decreto di finanziamento per un importo di 349.998 euro. E al già difficile momento economico, si aggiungeva la mancata compensazione delle perdite di fatturato a causa del Covid 19 con un contributo economico richiesto di 599.931 euro. Il 5 Ottobre scorso attraverso l’interessamento del Prefetto di Brindisi ci è stato comunicato che, sentito l’assessore alle Risorse Agroalimentari, Agricoltura, Alimentazione della Regione Puglia, con determina dirigenziale n. 681 del 18 Ottobre vi è stata l’approvazione del progetto dell’impianto fotovoltaico indicato per un importo finanziato di 178.499 euro e nella circostanza, con determina dirigenziale n. 685 dell’11 Ottobre la Sezione Regionale competente ha provveduto a liquidare in favore di Maribrin Srl il saldo dei contributo concesso all’azienda pari a 254.809,48 euro. Il 23 Dicembre si è svolto l’ennesimo incontro con la direzione aziendale Maribrin, la quale ha confermato le difficoltà attuali dell’azienda a riaprire immediatamente e quindi a riattivare i contratti ai lavoratori anche nonostante i contributi ricevuti motivando il tutto con difficoltà di mercato del settore. Il momento di difficoltà colpisce anche la stessa azienda Panittica Italia Soc. Agr. Srl sita in località Torre Canne di Fasano nella quale, gli stessi proprietari di maggioranza hanno evidenziato l’impossibilità di un ricollocamento momentaneo dei dipendenti Maribrin Srl.

«Ci batteremo fino all’ultimo accanto ai lavoratori affinché nessuno dei 10 posti a rischio vada perduto – dichiara il Segretario generale Flai Brindisi Gabrio Toraldo (foto) – e affinché i lavoratori vengano tutelati dal punto di vista economico. Lotteremo accanto a queste dieci famiglie con tutti gli strumenti che la legge mette a disposizione a cominciare dal sit-in organizzato il 30 dicembre alle 9 nei pressi della Maribrin e auspicando tempi celeri nell’attivazione del “Tavolo di crisi” regionale».

(Visited 51 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com