redazioneAutore: Cronaca IN EVIDENZA

Bilancio dei controlli su sicurezza balneare e filiera alimentare

Nei giorni scorsi, il personale della Sezione di Polizia Marittima della Capitaneria di Porto – Guardia Costiera di Brindisi, ha eseguito numerosi controlli presso le strutture balneari del Comune di Carovigno e di Fasano. Nel corso dei controlli sono stati elevati verbali amministrativi per un importo pari a circa 1.000 euro ciascuno nei confronti di due stabilimenti balneari. Le violazioni riscontrate riguardavano, in particolare, la sicurezza della balneazione, avendo i militari operanti constatato -in violazione dell’ordinanza balneare vigente- l’assenza degli assistenti bagnanti presso la postazione dedicata, oltre al loro impiego per lo svolgimento di altre mansioni nonostante la presenza di numerosi bagnanti all’interno delle strutture balneari in concessione. L’attività di vigilanza e controllo svolta presso gli stabilimenti balneari rientra nell’operazione “Mare Sicuro” disposta dal Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto su tutto il territorio nazionale con lo scopo di assicurare la tutela di bagnanti e diportisti, ed in generale di garantire più elevati standard di sicurezza nel settore turistico-balneare. Nel corso della giornata odierna veniva, inoltre, effettuato un controllo congiunto con i tecnici del SIAN dell’ASL di Brindisi, coordinati dal direttore di struttura Dott. Adriano ROTUNNO, relativamente alla verifica delle condizioni igienico/sanitarie dei locali cucina e deposito di una attività di ristorazione in località Torre Canne del Comune di Fasano. A seguito dell’ispezione effettuata, al titolare dell’esercizio commerciale veniva elevata una sanzione amministrativa dell’importo di 1.000 euro per violazioni in materia sanitaria. Allo stesso venivano, altresì, contestate numerose inadeguatezze relative ai requisiti ed alle procedure generali in materia di igiene che, se non risolte nei tempi indicati dal personale ispettivo, potrebbero dare luogo ad ulteriori successive sanzioni. Tale attività posta in essere dalla Guardia Costiera in stretta collaborazione e sinergia con il personale del SIAN dell’ASL di Brindisi rientra tra i compiti istituzionali specifici del Corpo ed è esclusivamente finalizzata alla tutela del consumatore finale, proteggendolo dai pericoli derivanti dalla cattiva conservazione e dal confezionamento non a norma del prodotto ittico.

(Visited 22 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com