redazioneAutore: Attualità IN EVIDENZA

Costa Morena: controlli obbligatori, preoccupazione e perplessità ADOC

Le immagini che giungono dall’area di costa Morena dedicata ai controlli obbligatori e non a campione per i passeggeri in ingresso ed in uscita verso aree extra Schengen destano preoccupazione e non poche perplessità. Preoccupazione in ordine alla gestione dei flussi di traffico che diviene insostenibile in alcuni periodi dell’anno specie con l’aumentare dell’attrattività di alcune destinazioni come l’Albania e la concomitanza degli orari di operatività di alcuni vettori diretti da e per la stessa destinazione.  Perplessità circa la garanzia che venga assicurato l’ordine pubblico, l’efficienza e l’accuratezza dei controlli attraverso una dotazione infrastrutturale ed organica del servizio affidato all’importante lavoro degli addetti della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza supportati per quanto di propria competenza dal servizio di security.

E’ quanto sostiene l’ADOC Brindisi, che aggiunge: «Se a quanto denunciato sopra aggiungiamo la concomitanza di condizioni meteo avverse come avvenuto nelle scorse ore  il quadro diviene davvero insostenibile con gente sprovvista di mezzi o in attesa dei controlli che cerca ostinatamente riparo nelle zone “sterili” dedicate ai controlli e l’assenza di servizi di collegamento tra l’area in questione  e le zone di imbarco che distano diverse centinaia di metri. Problemi, quindi, di sicurezza ma anche di  organizzazione che gravano sull’immagine di un porto che stenta faticosamente ad uscire da una fase di stallo dovuta alla crisi dei traffici determinata dalla pandemia e che non riesce a scrollarsi di dosso problematiche ormai consolidate.

L’obiettivo dovrebbe essere quello di affrontare nuove sfide anticipando con un’organizzazione ed infrastrutture adeguate i volumi di traffico, invece!?» L’ADOC Brindisi rivolge un appello a S.E. il Prefetto, per quanto di competenza «affinché venga attentamente monitorato l’aspetto legato all’ordine pubblico che mette in seria difficoltà gli stessi operatori di sicurezza e all’Autorità di sistema Portuale del basso Adriatico per mitigare al momento le situazioni di emergenza, perché di questo si tratta, e programmare investimenti che rendano più agevole le operazioni dei viaggiatori e degli operatori». (Foto inviate da ADOC Brindisi)

(Visited 156 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com