redazioneAutore: Cronaca IN EVIDENZA

Donna obesa ricoverata al Perrino: larve di mosca nelle mani ferite

Un ricovero choc – come lo definisce la testata regionale – nell’ospedale «Perrino di Brindisi dove i sanitari hanno preso in cura una donna obesa che non si lavava le mani, con ferite piene di larve di mosca. E’ quanto scrive la Gazzetta del Mezzogiorno, con il servizio on line di Federica Marangio, che riferisce che la donna ha una serie di problemi: «insufficienza renale cronica, scompenso cardiaco, piaghe da decubito in diversi punti del corpo, addirittura al gomito». La donna, residente in provincia, ha 61 anni e stando alle dichiarazioni dei sanitari – come racconta la Gazzetta – «vivrebbe con il marito e il fratello sacerdote». Versava in un evidente stato di abbandono e, presumibilmente, è rimasta per mesi a letto e nella stessa posizione, tanto da giustificare le piaghe da decubito. In ospedale sono serviti ben cinque volontari per cambiarne la posizione a letto. E la stessa Gazzetta si chiede «da quanto tempo resiste in condizioni al limite? Ci si domanda come abbia fatto a vivere nonostante la gravità dello stadio delle piaghe aperte tanto da presentare mosche sul corpo e come, pur annoverando 65mila globuli bianchi, che indicano uno stato infettivo severo, sia riuscita a sopravvivere. Il corpo è oramai deformato anche dalla grave obesità che le impedisce ogni minimo movimento oltre che qualsiasi grado di autonomia». Insomma, un caso di degrado totale che, a prescindere dall’assistenza ospedaliera di questi giorni, richiede un adeguato intervento dei servizi sociali.

(Visited 589 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com