Autore: Cronaca IN EVIDENZA

Gestione illecita di rifiuti, denunce e sequestro di un’area a Carovigno


A seguito di un’attività congiunta, in un servizio di polizia ambientale effettuato in agro di Carovigno, i militari della Sezione di Polizia Marittima della Capitaneria di Porto di Brindisi e i militari della Stazione Carabinieri di Carovigno hanno deferito all’Autorità Giudiziaria un soggetto per gestione illecita di rifiuti all’interno di un terreno agricolo.

I militari, dopo una lunga attività di indagine scaturita da un esposto, hanno individuavano un terreno agricolo di circa tremila metri quadrati utilizzato come discarica a cielo aperto, all’interno del quale venivano abbandonati rifiuti pericolosi e non, tra cui pneumatici, batterie e carcasse di autovetture, ingombranti, elettrodomestici, oli esausti, plastica, residui di materiale edile, materiale elettrico e altri rifiuti non differenziati. Inoltre, sono state rinvenute evidenti tracce di combustione degli stessi rifiuti. La combustione dei rifiuti può generare l’emissione di sostanze nocive o tossiche (ad esempio la combustione di materiali plastici genera diossine e composti simili), con contaminazione di aria, acqua, suolo e possibile passaggio nella catena alimentare.

 Il soggetto responsabile è stato deferito all’Autorità Giudiziaria per abbandono e deposito incontrollato di rifiuti, mentre l’area, che si trova in una zona periferica del comune di Carovigno, è stata sottoposta a sequestro preventivo. Ancora una volta, la sinergia tra le forze dell’Ordine è stata fondamentale per un’efficacia attività di contrasto all’illegalità. L’operazione in questione costituisce l’ultima in ordine di tempo, di numerosi controlli svolti di recente finalizzati alla tutela dell’ambiente e del paesaggio.

(Visited 69 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com