Autore: Attualità IN EVIDENZA Politica

Gnl Edison, carbone e petrolchimico: presente e futuro secondo Rossi

Nel corso della conferenza stampa tenuta in mattinata (2 novembre 2022) a Palazzo di Città, il sindaco di Brindisi Riccardo Rossi ha illustrato una serie di aggiornamenti in merito a «questioni importanti ambientali ed energetiche per il presente e il futuro della città che riguardano: il deposito costiero GNL a Costa Morena est, le mie interlocuzioni con i sindaci delle città italiane che ospitano centrali a carbone e l’installazione delle centraline per il monitoraggio della qualità dell’aria all’interno del Petrolchimico. In merito al primo argomento abbiamo presentato al Tar di Lecce un ricorso avverso al provvedimento autorizzativo rilasciato dal Ministero della Transizione ecologica per il deposito costiero GNL Edison a Costa Morena est. I principali motivi riportati nel ricorso sono tre: l’interferenza di tale deposito con l’importante infrastruttura ferroviaria, da oltre 100 milioni di euro, in fase di realizzazione che avrà tra gli effetti principali la possibilità di realizzare i convogli merci di sostanze infiammabili e pericolose fuori dalla stazione di Brindisi eliminando i problemi critici di sicurezza che ci sono. La valutazione di impatto ambientale, assente nel procedimento autorizzativo, ci sembra assolutamente necessaria per garantire il rispetto dell’ambiente e della salute in una città sancita da un decreto del Presidente della Repubblica come area ad elevato rischio di crisi ambientale. La mancata valutazione del parere della giunta comunale che ha impedito l’esame di tutte queste problematiche. Sul secondo punto: sappiamo che in tutta Italia e quindi anche a Brindisi, a causa di questa sciagurata guerra, sono ripartite le centrali a carbone».

«In un incontro che ho avuto con i sindaci delle città che ospitano tali centrali, Civitavecchia, Venezia, La Spezia solo per citarne alcune, si è ritenuto – scrive il sindaco Rossi – di inviare una nota congiunta al Ministro competente per chiedere, poiché in questi mesi mai interpellati, un incontro per discutere il rispetto dei termini del phase out dal carbone entro il 2025; il coinvolgimento delle comunità locali nelle decisioni in materia energetica che impattano in modo significativo sui nostri territori; interventi economici da parte del Governo sui processi di trasformazione delle stesse centrali e la riduzione delle bollette dei cittadini a fronte dei maxi profitti generati dalle centrali.

Infine nel corso degli ultimi dieci anni, prima da consigliere comunale e poi da sindaco, ho chiesto l’implementazione di una rete per il controllo della qualità dell’aria all’interno del Petrolchimico, in particolare durante gli eventi di blocco che comportano l’accensione della torcia, circostanza in cui è sempre stato difficile avere un report preciso e dettagliato sulla qualità dell’aria. A seguito della sospensione delle attività che disposi con ordinanza sindacale nel maggio 2020 si ottenne un tavolo con l’azienda Versalis, Arpa Puglia e Ispra per la realizzazione della rete di monitoraggio e controllo. In questi giorni Ispra con una nota che ha inviato a Versalis ed Arpa, ha pienamente accolto questa richiesta chiedendo all’azienda di realizzare, nel più breve tempo possibile, la rete di centraline per il controllo e monitoraggio della qualità dell’aria all’interno dello stabilimento. È questa un’importantissima misura a tutela della salute dei lavoratori del Petrolchimico e dei cittadini di Brindisi. Ringrazio l’Arpa Puglia per l’importante lavoro tecnico-scientifico svolto per la definizione delle centrali e degli inquinanti da monitorare. Quelle che ho riportato – conclude il primo cittadino di Brindisi – oggi sono tre questioni fondamentali per il presente e futuro di Brindisi. Siamo nel pieno di una conversione ecologica che impone il passaggio dalle fonti fossili a quelle rinnovabili. Le tecnologie oggi lo consentono, dobbiamo in piena emergenza climatica fare tutti gli sforzi possibili per salvaguardare ambiente e salute, creando con la filiera delle rinnovabili lavoro e sviluppo di qualità. È la principale sfida del nostro tempo sia a livello globale che locale».

(Visited 20 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com