redazioneAutore: Attualità IN EVIDENZA

Tassisti pugliesi in affanno, la Regione interviene con un prestito

Come abbiamo anticipato stamane, una delegazione di tassisti pugliesi è stata ricevuta a Bari dall’assessore regionale allo sviluppo economico Mino Borraccino che ha raccolto lo sfogo della categoria, in grave affanno economico per l’emergenza Coronavirus. La Regione ha formulato la proposta di un prestito (minimo 5.000 euro e sino a 10.000, col 20% a fondo perduto) da restituire senza interessi in 48 rate a partire dal mese di luglio del 2021. Il tutto senza ostacoli burocratici o bancari e soprattutto senza interessi. Agenda Brindisi pubblica il commento di Gianni Ricco, tassista brindisino e presidente della Cooperativa COTABRI, che faceva parte della delegazione che ha incontrato il rappresentante della Giunta regionale.

Il commento del tassista brindisino Gianni Ricco dopo l’incontro con l’assessore Borraccino

IL COMMENTO DEL CONSIGLIERE REGIONALE ERIO CONGEDO – «Ancora molte categorie di lavoratori dimenticate nella ‘pandemia economica’ che sta minacciando l’Italia. I tassisti una di queste, nonostante abbiano garantito un servizio impeccabile e fondamentale anche nel corso della pandemia. La loro richiesta di poter accedere ai fondi regionali messi a disposizione per la tutela e il sostegno del trasporto pubblico è, quindi, più che lecita. Parliamo di tantissime famiglie che da un giorno all’altro si trovano senza alcuna fonte di guadagno e di una categoria in ginocchio anche per l’assenza di flussi turistici e convegnistici. Noi di Fratelli d’Italia siamo vicini anche a questi lavoratori e chiediamo che la Regione innanzitutto li ascolti e che trovi un modo per garantire le risorse straordinarie necessarie ad andare avanti. Per quanto concerne in particolare la situazione per la città di Lecce, riteniamo che meriti considerazione la possibilità di coinvolgere il settore privato taxi/NCC nella riorganizzazione del trasporto cittadino al fine di potenziare l’offerta di mobilità pubblica, sia per fini turistici e congressuali sia per supporto ai servizi socio-sanitari. Un’idea potrebbe essere quella del ‘voucher-mobilità’, da offrire all’utenza per incentivare l’utilizzo di taxi e NCC con benefici per la nostra città in termini di decongestionamento del traffico e di riduzione dell’inquinamento ambientale».

(Visited 62 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com