Autore: Basket IN EVIDENZA Sport

LBA: la serie nera dell’Happy Casa Brindisi continua a Trento (81-71)

(a. c.) – L’iniezione di fiducia per l’incoraggiante successo europeo di mercoledì col Kalev Cramo, il ritorno in campo del play titolare Jeremy Senglin (dopo un lungo stop per infortunio), la necessità di far punti a prescindere dal valore dell’avversario e soprattutto la guida tecnica di Dragan Sakota: c’erano tutti i presupposti per far bene nel match esterno con la Dolomiti Energia Trentino ma nonostante la generosa prova dei biancoazzurri, in questo anticipo dell’ottava giornata di serie A è arrivata l’ottava sconfitta consecutiva per l’Happy Casa Brindisi (81-71). E domenica prossima, la formazione pugliese dovrà vedersela in casa con la Virtus Bologna prima di affrontare in trasferta la Nutribullet Treviso dell’ex coach Frank Vitucci (e di otto ex complessivi!) per quello che si preannuncia già come uno spareggio salvezza in piena regola.

IL MATCH – Coach Dragan Sakota ritrova il play Jeremy Senglin, che comunque viene mandato in campo solo nei minuti conclusivi della prima frazione. Ancora assenti per infortunio Johnson, Laquintana e Lombardi. Brindisi lotta ma deve fare i conti con le conclusioni dalla grande distanza dei tiratori trentini e tra questi l’ex Mattia Udom. La Dolomiti Energia Trentino allunga e segna il massimo vantaggio allo scadere dei primi dieci minuti (19-9) grazie alla buone percentuali al tiro. Per la NBB segnano Nate Laszewski (5) e Jordan Bayehe (4).
Nel secondo quarto Trento continua a «martellare» dalla grande distanza con Alviti e Udom e costringe l’Happy Casa a subire un nuovo massimo ritardo (-14). La reazione pugliese si concretizza nei cinque punti consecutivi di Morris (due liberi e una tripla), ma una tripla di un ispiratissimo Alviti respinge il tentativo di recupero della NBB. La situazione score precipita nel corso della frazione tanto da consentire all’Aquila di aggiornare il massimo vantaggio a quota 19 punti (44-25). I punti di Laszewski evitano danni peggiori ma alla fine della seconda frazione Trento conduce 47-30. Per i biancoazzurri da sottolineare i 13 punti realizzati da Laszewski, unico in doppia cifra per i biancoazzurri. Sulla sponda trentina Davide Alviti risponde con 12 punti.

Il capo allenatore dell’Happy Casa Brindidsi Dragan Sakota nel palasport di Trento

Dopo l’intervallo lungo Brindisi cerca di ridurre le distanze ma dopo tre minuti Trento è sempre saldamente avanti (52-35). Sneed non è quello visto all’opera nel mercoledì di Coppa, ma non risparmia energie: firma un’azione complessiva da tre (tiro dalla media e libero) per il -14 ma poi si fa stoppare in due opportunità consecutive. A metà frazione Brindisi deve recuperare 16 punti (54-38) e nel finale riesce a portarsi sul 57-50 ma alla penultima sirena l’Aquila ritrova la doppia cifra di vantaggio: 60-50. Brindisi cerca di rimanere in partita ma paga dazio col modesto bottino di Sneed (3 punti) e il «digiuno» di Riismaa, mentre Laszewski raggiunge quota 15, contro i 14 di Morris.
Nell’ultimo e decisivo periodo i punti di Alviti danno vigore ai trentini (+13), ma la squadra di coach Sakota non molla e a sei minuti dal termine si porta a -9 (69-60) con due tiri liberi di Sneed. Trento replica con Udom (entrata vincente e libero supplementare), Cooke e Alviti: Aquila +16. Lo scatto d’orgoglio dei biancoazzurri con i punti di Kizlink (tripla) e quattro punti in fila di Senglin alimentano la speranza della NBB (-9) ma Hubb punisce con una tripla. Nel finale la squadra di coach Galbiati controlla e conquista un prezioso successo (81-71). Brindisi rimane ultima senza vittorie. E naturalmente si aspettano novità di mercato.

(Visited 171 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com