Autore: Attualità IN EVIDENZA

Addio a Luigi Grassi, imprenditore e padre del cinema brindisino

È venuto a mancare nella serata di ieri Luigi Grassi, figura legata alla storia del cinema della nostra città che lo scorso 9 gennaio aveva traguardato la soglia dei 100 anni. Sulle orme di suo padre Carmelo, scomparso nel 1950, aveva preso in carico la gestione della sala di piazza Cairoli per poi investire nello stesso settore seguendo le evoluzioni dell’arte e della tecnonologia legata al cinema, attraversando gli anni della Seconda Guerra Mondiale e quelli successivi dello sviluppo economico e del benessere per il nostro Paese. Un rapporto stretto che lo porterà ad assumere anche un ruolo sindacale nel settore del pubblico spettacolo, sempre dalla parte degli esercenti, prima nell’Agis, poi nella neocostituita Anec di cui sarà presidente nazionale dal 1979 al 1986. Nella sua vita è contenuto il racconto esteso di una storia impressa nel cuore del cinema, dalla sua organizzazione alla evoluzione di linguaggi, forme e interpreti.

Luigi Grassi con Giulietta Masina e il Maestro Federico Fellini

I suoi passi seguono il solco della settima arte, un pendolo infaticabile tra Brindisi con le sue sale – dal 1966 il Cinema Teatro Impero nella sede che conosciamo ancora oggi – e Roma per rappresentare una categoria per la quale si è speso con generosità fino all’ultimo giorno di attività. Luigi Grassi è stato protagonista di un’epoca, testimone di un pezzo nobile di storia della cultura che ha segnato il costume e il sapere di diverse generazioni. Il suo spirito instancabile e visionario ha regalato alla città una straordinaria occasione di crescita attraverso la proiezione di realtà a un passo dal nostro tempo. Ai figli Carmelo, Sandra e Maria Elena le condoglianze più sentite e i sentimenti di vicinanza da parte della direzione e dalla redazione di Agenda Brindisi.

Luigi Grassi e il figlio Carmelo nel giorno del centesimo compleanno
(Visited 285 times, 1 visits today)
WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com